Tassa del governo su cani e gatti?
Il web si infuria, ma è una bufala

di Michele Spanu | Twitter: @MicheleSpanu84
Al cancelletto (foto: Lidafirenze.wordpress.com)
Al cancelletto (foto: Lidafirenze.wordpress.com)

SASSARI. La notizia si è diffusa ieri velocemente sul web: il nuovo governo starebbe valutando di imporre una tassa sugli animali domestici. Oggi, con la stessa rapidità, è opportuno precisare fin da subito che si tratta di una bufala. Una notizia completamente falsa in altre parole che, alimentata dal tam-tam su Twitter e Facebook, ha indotto diversi blog a far circolare la voce secondo cui il governo Monti starebbe valutando una nuova tassa su cani e gatti. In realtà si tratta di un voce nata da una grande confusione. La proposta di una tassa di questo tipo, infatti, era stata annunciata durante il governo Berlusconi ma era stata ritirata subito dopo. Qualche giorno fa la notizia è apparsa nuovamente su un blog e dopo esser stata citata da un’associazione, la Aidaa, ha fatto immediatamente il giro del web scatenando, giustamente, l'ira degli animalisti i quali hanno immeditamente denunciato i casi di abbandono di animali che una notizia di questo genere avrebbe potuto causare. Ma in realtà, almeno per il momento, non è prevista nessuna decisione di questo genere: la notizia è una bufale che ha viaggiato alla velocità della luce ma non ha trovato nessun riscontro nella realtà: ecco perché è necessario cercare sempre una conferma della notizia prima di condividerla sui social network.

Qualche mese fa, invece, sotto il governo Berlusconi, ha avuto ben pochi risconti la notizia secondo cui l’Agenzia delle Entrate avesse classificato gli animali domestici come beni di lusso considerando tutte le spese mediche di tipo veterinario come indicatori per il "redditometro". Il caso era stato portato subito all’attenzione pubblica grazie ad una segnalazione da parte di Marco Meloni, presidente dell’associazione nazionale medici veterinari che aveva sottolineato come gli animali domestici non fossero certamente un bene di lusso. La notizia, in quel caso, era completamente veritiera e SassariNotizie l'ha approfondita con un'intervista al veterinario sassarese Andrea Sarria. La differenza tra una bufala e una notizia non è poi così difficile da scoprire: l'importante è verificare sempre la fonte.



© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Tags
Immagini articolo
  • Al cancelletto (foto: Lidafirenze.wordpress.com)