Gli studi sugli animali per capire
molte malattie degli uomini

 (foto: SassariNotizie.com)
(foto: SassariNotizie.com)
CASTELSARDO. Retrovirus e modelli di sperimentazione animale utili anche per lo studio delle malattie dell'uomo, lingua blu e benessere animale. Si parlerà di questo e molto altro al VII Congresso nazionale dell'Associazione italiana di patologia veterinaria in programma domani a Castelsardo nel castello dei Doria.
L'evento è organizzato in collaborazione con l'Istituto Zooprofilattico sperimentale della Sardegna e con la facoltà di Veterinaria dell'Università di Sassari.

Il convegno sarà aperto dai saluti del presidente dell'AIPVet Massimo Castagnaro, del commissario dell'Istituto Zooprofilattico della Sardegna, Maria Assunta Serra, e del preside della facoltà di Veterinaria di Sassari, Salvatore Naitana.
L'inizio dei lavori (ore 15) è affidato al professor Massimo Palmarini dell'Università di Glasgow, uno dei maggiori esperti mondiali in materia di retrovirus. Il docente parlerà dei modelli di studio sugli animali utili per la conoscenza di gravi patologie che colpiscono l'uomo. A partire dalle 16,30 ancora analisi comparata degli studi, con l'intervento dei ricercatori del Dipartimento di Patologia e clinica veterinaria dell'Università di Sassari Giovanni Livesu e Tiziana Cubeddu, che parleranno di “Adenocarcinoma polmonare ovino: un possibile modello per lo studio del carcinoma bronchioloalveolare nei carnivori domestici e nell’uomo”.
I lavori proseguiranno venerdì 18 a partire dalle 9. Paola Nicolussi, dirigente veterinaria dell'Istituto Zooprofilattico della Sardegna, illustrerà l'esperienza dei laboratori di analisi cliniche a supporto della sperimentazione animale, dallo studio della lingua blu (blu tongue) alla valutazione del benessere animale. Alle 18 il professor Leonardo Sechi, del Dipartimento di Scienze biomediche dell'Università di Sassari, parlerà di “Malattie autoimmuni: possibile ruolo nel morbo di crohn e nel diabete mellito di tipo 1”.
Al termine del convegno (ore 19), saranno consegnati il Premio “Ennio Sanna” per la miglior comunicazione scientifica, e il Premio “Rosario Preziosi” per il miglior poster.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: SassariNotizie.com)
  • Uno scorcio del Castello (foto: SassariNotizie.com)