"Note in Rete": allo Spano
primo incontro del corso di musica

 (foto: Creative Commons)
(foto: Creative Commons)
SASSARI. Parte oggi allo Scientifico "Giovanni Spano" la nuova edizione del Laboratorio musicale delle Superiori, che da quest'anno è ribattezzato “Note in Rete”. Il corso, che ha già avuto anche negli anni precedenti moltissime adesioni, inizia con il primo incontro di venerdì alle 15.30 e promette grandi novità. Un’Aulamusica attrezzata con batteria e percussioni, chitarra elettrica ed acustica folk, pianoforte digitale, sintetizzatore, basso elettrico ed impianto voci è a disposizione degli studenti di tutti gli Istituti di Istruzione di secondo grado della Città, di quelli delle Medie e, prima innovazione di quest’anno, anche delle Elementari. «È possibile affermare che “Note in Rete” propone un percorso didattico complementare a quello del Conservatorio; alcuni ex corsisti si sono infatti iscritti al Triennio del “Luigi Canepa” - spiegano gli organizzatori-. L’offerta formativa è ricca: oltre agli strumenti citati presenti in Aulamusica, sono previsti infatti anche il canto moderno e il canto lirico, l’oboe, il violoncello, il sax, la tromba, l’arpa, il violino, la musica d’insieme e la composizione per band, la chitarra classica… Seconda innovazione, un corso di chitarra metal, linguaggio assai vicino ai giovani e spesso erroneamente trascurato, alla pari col rap».

L’impianto metodologico-didattico è stato progettato da Antonio Deiara, ideatore del metodo “Pentagrammando”. «La musica come forma di linguaggio – afferma Deiara – è assai presente nella vita dei ragazzi del terzo millennio. Come diceva mezzo secolo fa don Milani ai suoi allievi, chi comprende la lingua è un uomo libero; chi comprende i diversi linguaggi, incluso quello dei dodici suoni, possiamo aggiungere noi oggi, è un uomo libero. La musica, al pari dello sport, educa allo stare insieme e all’uso positivo del tempo libero; ho pertanto proposto al preside Accardo di progettare i Corsi Musicali Estivi».
Lo staff dei docenti è formato da musicisti dal curriculum ricco di esperienza professionale e da giovani diplomati e abilitati del Conservatorio di Musica “Luigi Canepa”. “Note in Rete” risponde positivamente alla richiesta di formazione musicale di tanti studenti e, nello stesso tempo, valorizza chi si è preparato per affrontare il mondo del lavoro.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Tags
Immagini articolo
  •  (foto: Creative Commons)