la curiosità

Mauro Pili vuole sbarcare su Marte:
«Opportunità di sviluppo per l'isola»

di Michele Spanu
Mauro Pili (foto: facebook)
Mauro Pili (foto: facebook)

SASSARI. Flotta sarda? Vertenza entrate? Niente di tutto questo. L'ex presidente della Regione Mauro Pili con le sue richieste al governo punta in alto. Molto più in alto. Il deputato del Pdl ha indirizzato nei giorni scorsi un'interrogazione in parlamento per affermare che "il progetto di ricerca su Marte con il marchio Sardegna può rappresentare per l'Italia e l'isola una grande opportunità di sviluppo". Non è uno scherzo. Pili si riferisce a un progetto nato dalla collaborazione dell’ateneo di Cagliari con l’Agenzia Spaziale Italiana che punta a sfruttare le risorse presenti in loco per costruire elementi strutturali sulla Luna e su Marte. "E' un orizzonte al quale la ricerca spaziale applicata deve dare sostegno e risorse finanziarie. La disponibilità del governo a fornire indirizzi precisi all'Agenzia spaziale Italiana è un impegno importante per nuove frontiere di crescita e sviluppo". "In un periodo drammatico sul piano sociale ed economico come questo - ha detto con orgoglio Pili - dobbiamo essere lungimiranti e aprire nuovi orizzonti di ricerca e crescita che sappiano superare il contingente e guardare al futuro non da inseguitori ma apripista. Il progetto e i brevetti messi a punto dall'équipe sarda del prof. Giacomo Cao sono per la Sardegna, l'Italia e l'Europa sono una rara opportunità per guardare avanti da protagonisti della ricerca applicata che consentirebbe al nostro paese di essere protagonista". Il progetto dell'Università di Cagliari ha già ottenuto riconoscimenti mondiali tali da richiedere un impegno forte e chiaro del Paese. Il governo - ha sostenuto Pili - deve investire sul progetto Cosmic senza perdere tempo consentendo alla ricerca spaziale italiana di camminare di pari passo con le grandi nazioni. La ricerca è la base fondamentale per la ripresa economica e non possiamo stare indietro". I commenti sono aperti.




© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  • Mauro Pili (foto: facebook)
Commenti all'articolo