Alda Merini, La poetessa dei Navigli
Lo spettacolo teatrale al Ferroviario

La locandina
La locandina
SASSARI. La poetessa dei Navigli arriva in città. Grazie ad uno spettacolo della compagnia di Teatrodanza Jana in scena sabato 26 giugno alle 21 al Teatro Ferroviario. È dedicato ad Alda Merini, la poetessa milanese, scomparsa a novembre il lavoro teatrale che ha anche il patrocinio del Comune.
Un'occasione per parlare di poesia e disagio mentale, di arte e vita in manicomio, come il ricovero decennale vissuto dalla stessa Merini. Un viaggio tra luce e ombra, eros e misticismo, cristianesimo e paganesimo.
“La poetessa dei Navigli” è il titolo dello spettacolo, scritto e diretto da Alessia Foddai e Michele Puggioni, ripercorre la vita dell’artista, tra poesia e disordine psicologico, negli interrogativi e nei dubbi lacerano il torpore, l'abitudine, l'indifferenza e la paura dello stigma.

«Questo lavoro vuole essere uno studio per la nostra scuola e un omaggio a una madrina dell’arteterapia, che ha dato un enorme contributo agli studi neurologici - ha dichiarato Alessia Foddai, regista e direttore artistico dello spettacolo - e, come diceva Alda Merini, mi auguro che la malattia mentale venga finalmente sfrattata e ricondotta alla sua vera natura, che non è altro che un disturbo dell’emotività».

Sul palcoscenico del Teatro Ferroviario, insieme alla compagnia di Teatrodanza, gli allievi della scuola Jana, l’insegnante Roberta Fadda, l’associazione di flamenco Triatatà, diretta dalla maestra Anna Fiori, la compagnia Teatro Instabile di Rizzeddu e la compagnia di teatro Paco Mustela dirette da Pierangelo e Alessandra Sanna, i musicisti Adelaide Usai, Antonello Casu e Giovannino Canu. I costumi sono di Matteo Cardia e Claudia Spina, allievi dell’Accademia di Belle Arti di Sassari.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  • La locandina