Tre allegri ragazzi morti
per "Sonos de fogu" a Ozieri

 (foto: Sonos de Fogu)
(foto: Sonos de Fogu)
OZIERI. Torna Sonos de Fogu, manifestazione ideata e gestita dall'associazione culturale Artisende di Ozieri, dove ,anche quest'anno, si fonderanno tradizione, arte, musica e divertimento.
Nata con l'intento di riportare dalla memoria passata ai giorni nostri antiche tradizioni come “sos fogarones”. Si celebra in una mistica atmosfera il solstizio d'estate, cioè quando il sole raggiunge la sua massima declinazione, con il fuoco che purifica e rinnova bruciando ciò che viene ritenuto cattivo. Le persone, saltando attraverso il fuoco.
Anche quest'anno ci sarà la gara di carrettoni fatti di legno e cuscinetti a sfera che in passato si usava far sfrecciare per le strade del paese.
In questa seconda edizione si è voluto proporre al pubblico un connubio tra musica e fumetto, una simbiosi tra note musicali e nuvole parlanti.

Per tutta la giornata ci saranno estemporanee di quanti vorranno mostrare al pubblico i propri lavori. Momento clou sarà l’intervista a Davide Toffolo, apprezzatissimo fumettista oltre che cantante-chitarrista dei Tre Allegri Ragazzi Morti.

Non solo fumetti e musica ,ma anche videoclip musicali a cartoni animati per bands come
Prozac , Punkreas e 24 Grana oltre che per la propria. Toffolo verrà intervistato in una chiacchierata informale da Cesare Giombetti, cagliaritano, ideatore della rassegna Crêpes Dessinées: Fumetti e crêpes in una nota creperia del capoluogo sardo fanno da cornice ad incontri con autori sardi e non. La manifestazione farà la 1a e la 2a puntata della seconda edizione il 12 e il 19 luglio. Rispettivamente con Marco Meloni e con Fabrizio Lo Bianco.

Oltre
all’intervista, sarà allestita una piccola mostra sulle opere di Davide Toffolo a cura della libreria Azuni di Sassari, il cui titolare Emiliano Longobardi è anche lo sceneggiatore del fumetto on line “Rusty Dogs”.

In questo contesto Sonos de Fogu, particolarmente sensibile all'innovazione culturale, intende caratterizzare l'edizione 2010 col tema di “Nuvole sonore”, in cui sono evidenti il richiamo all'elemento paesaggistico, a quello fumettistico (non a caso “nuvole parlanti” è una delle definizioni più amate dagli appassionati di questa cultura)e a quello musicale con il concerto di tre interessantissime band emergenti i Lux due elettro-acustico già presenti anche sul palco dell'ultima edizione di Abbabula, i Typhoid Mary e i From Silent Waves.


Spazio al folklore con il ballo sardo del gruppo Beata Vergine del Rimedio e con i canti suggestivi del Coro di Ozieri e il Coro Santu Nigola de Otieri che accompagneranno l'accensione dei fogaroni e quanti vorranno saltare attraverso il fuoco in virtù dell'antica tradizione.

Ospiti d'onore saranno i Tre allegri ragazzi morti, band di punta del rock alternativo italiano che con l'ultimo album “Primitivi dal futuro”, uscito il 5 marzo, hanno esplorato sonorità reggae dove il ritmo in levare la fa da padrone.

Suoneranno i Dorian Gray con il loro rock dove si intrecciano melodie eteree e atmosfere psichedeliche, iniziano il loro percorso artistico nell' '89 con successi di pubblico e critica, che li porterà ad essere la prima band europea ad aver suonato in Cina e a condividere il palco con pilastri del rock come i Faith no More. Dopo essersi sciolti nel '99, tornano alla ribalta nel 2008 con “Forse il sole ci odia”.
Ci saranno anche i Giannies che proporranno i loro brani fatti di divertente e trascinante rock'n'roll.
Sarà quindi anche quest'anno un Sonos de Fogu pregno e denso di cultura alternativa e divertimento
dalla mattina fino a notte nella caratteristica cornice di Punta Idda.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  •  (foto: Sonos de Fogu)