Sicurezza nelle Cliniche, telecamere
in arrivo e c'è una guardia in più

Un mese dopo l'aggressione subita da una dottoressa
di Valentina Guido
L'ingresso delle Cliniche Universitarie (foto: SassariNotizie.com)
L'ingresso delle Cliniche Universitarie (foto: SassariNotizie.com)
SASSARI. Per garantire maggiore sicurezza all’interno delle cliniche universitarie di Sassari, è stato potenziato il servizio di controllo attraverso l’inserimento di un’ulteriore guardia giurata armata. Lo ha comunicato il Commissario dell’Azienda mista, Giovanni Cavalieri, a margine della conferenza stampa convocata stamattina per parlare di finanziamenti regionali e ammodernamento tecnologico. Non solo: nella gara d’appalto, il cui vincitore è già stato decretato, oltre al servizio di sorveglianza è compresa la fornitura di telecamere, che nelle intenzioni di Cavalieri dovranno essere posizionate in tutti i corridoi di tutti i reparti delle cliniche. Quindi, oltre alle guardie giurate, ci sarà una postazione centralizzata in cui un guardiano avrà di fronte a sé una serie di monitor collegati alle telecamere: così tutti i reparti potranno essere tenuti costantemente sotto controllo.

Un provvedimento necessario. Il provvedimento è una risposta alle sollecitazioni presentate dall’Ordine dei medici, dopo che urgenti problemi di sicurezza si sono manifestati a seguito dell’ aggressione subita da un’urologa che stava uscendo dalle cliniche universitarie per fare una consulenza al pronto soccorso.

La gara per la fornitura del sistema di sorveglianza, tuttavia, al momento è bloccata perché, come spesso accade, il secondo classificato ha presentato ricorso. Bisognerà dunque attendere la pronuncia del Tribunale amministrativo regionale, prevista per il mese di ottobre.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  • L'ingresso delle Cliniche Universitarie (foto: SassariNotizie.com)