"Visioni solidali", otto documentari
per riflettere su ambiente e diritti

Dal 5 luglio al 5 agosto alle 21 nel cortile di Palazzo Ducale
di Valentina Guido
La conferenza stampa (foto: SassariNotizie.com)
La conferenza stampa (foto: SassariNotizie.com)

SASSARI. Otto associazioni insieme per parlare di solidarietà, rispetto dell' ambiente e dei diritti umani. La manifestazione “Visioni solidali” porterà in città una serie di documentari che saranno proiettati alle 21 nel cortile di Palazzo Ducale a partire da lunedì prossimo. L'ingresso è libero. L'obiettivo è offrire occasioni di svago ma soprattutto di riflessione su tematiche di cui i telegiornali non parlano abbastanza.

Il calendario delle proiezioni. L'associazione Ponti non muri il 5 luglio presenta “Il giardino dei limoni”, un film dedicato ai rapporti complessi tra israeliani e palestinesi.

Il 12 luglio la cooperativa sociale Onlus Equomondo propone “La terra degli uomini rossi”, diretto da Marco Bechis. Interamente realizzato in Brasile nel Mato Grosso, racconta la storia dei Guarani Kaiowà, un gruppo indios umiliato e privato della propria terra.

L'appuntamento successivo è il 20 luglio con “Manooré – La voce delle donne”, presentato dall'associazione Noi Donne 2005. In wolof, che è una lingua parlata a Dakar, manooré vuol dire “le tue grandi capacità”. Tre donne provenienti dal Senegal arrivano a Torino per studiare i problemi del lavoro e della globalizzazione. Il documentario ha vinto il Premio Cipputi al 23° Torino Film Festival.

Il 22 luglio Amnesty International presenta “Come un uomo sulla terra”, un film italiano patrocinatao dalla più importante Ong per i diritti umani. La pellicola rivela la natura degli accordi tra Italia e Libia e le violenze che i migranti subiscono dalla polizia libica.

Il 27 luglio appuntamento con Emergency e “Afghanistan, effetti collaterali?”. I registi Lazzaretti e Vendemmiati riprendono le attività di Emergency in Afghanistan, dalle corsie degli ospedali alle carceri.

Il 29 luglio l'attenzione si sposterà sul confine tra Guatemala e Messico con la pellicola successiva: “Assalto al sogno”, che racconta una delle vie di emigrazione più pericolose al mondo, dall'America centrale agli Stati Uniti. Il documentario è proposto dall'associazione Intercanvi Italia Onlus che si adopera per migliorare le condizioni di vita nel Sud del mondo.

Il 3 agosto la Caritas presenta il francese “Persepolis”, un film d'animazione sulla vita quotidiana in Iran durante la dittatura. La testimonianza è resa attraverso gli occhi di una bambina.

Si chiude il 5 agosto con Petropolis, un documentario Canadese con cui Greenpeace invita a riflettere sulle miniere di petrolio sporco che spazzano via le foreste. La pellicola è stata prodotta con il contributo di Greenpeace.

Non accade spesso che le associazioni cittadine si uniscano per portare avanti un progetto sostenuto da ideali comuni. L'anno scorso “Visioni solidali” ha incontrato il favore dei sassaresi e dell'assessorato comunale alle Poltiche culturali che ha deciso di patrocinare l'evento.

Per presentare l'iniziativa sono intervenuti Lavinia Rosa (Ponti non muri), Marcella Canu (Equomondo), Francesca Fantato (Noi donne 2005), Gianni Manca (Amnesty International), Rita Diez (Emergency), Giuseppina Giordo (Intercanvi), Anna Laura Pirisi (Caritas) e Lisa Benvenuto (Greenpeace).

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Immagini articolo
  • La conferenza stampa (foto: SassariNotizie.com)