Dinamo Vs Virtus

Sassari. Non bastano cuore, orgoglio e un grande primo tempo, la Virtus esce alla distanza e controlla la rimonta in volata del Banco, superando Sassari 74-69, grazie ad uno strepitoso Cordinier e ai canestri dell’ultimo quarto di Belinelli. La Dinamo paga i falli, Diop migliore in campo con 16 punti.

Dinamo: Jones 12, Robinson 4, Kruslin 6, Gandini, Devecchi, Chessa, Bendzius 5, Gentile 5, Raspino, Diop 16, Onuaku 12, Nikolic 7 All.Bucchi

Bologna: Cordinier 15, Mannion 9, Belinelli 10, Pajola 4, Bako 2, Ruzzier, Jaiteh 10, Lundberg 7, Hackett 2, Camara, Weems 6, Ojeleye 4. All.Scariolo

Le statistiche complete del match DINAMO – VIRTUS STATS COMPLETE

C’è Onuaku in quintetto per Bucchi, Bologna parte bene con decisione, subito 5-0 per le V-Nere, la reazione della Dinamo è veemente, parziale di 10-0, grande energia con un super Jones protagonista (8 punti su 10), che commette poi 2 falli come Gentile ed è costretto ad andare in panchina. Si va molto a strappi la partita è bellissima, spruzzata di zona 3-2 di Bucchi sulle rimesse di Bologna, pressione a tutto campo, il Banco ruota il più possibile, Bendzius e Diop scrivono un altro parziale dopo che Jaiteh aveva firmato il controsorpasso sul 12-15. (20-18 al 10’)

8/14 dal campo per la Dinamo contro il 5/13 di Bologna

La Dinamo continua a difendere e giocare con grande energia, ognuno a turno porta il proprio mattoncino, storie tese tra Jaiteh e Onuaku, che lotta vero. Robison prova sempre a spingere, Bendzius è preziosissimo ma Sassari tiene benissimo a livello di squadra, al 16’ la squadra di Bucchi è 32-25 con un parziale di 9-2 nonostante i 2 falli di Jones, Gentile e Onuaku. Scariolo prova a trovare risorse dalla panchina, non c’è continuità a livello offensivo, Sassari costringe la Virtus a 4/16 da due, Robinson con una magata firma il 36-28. Bologna sfrutta il bonus e prova a metterci il fisico, la Dinamo prova a tenere botta e va all’intervallo con un mini-vantaggio 40-32.

Il Banco tiene Bologna a poco più del 25% da due, difende benissimo e costringe gli avversari a 10 perse alternando uomo, zona e zone press per mangiare secondi.

DURISSIMA BATTAGLIA

Bologna prova ad aggredire la Dinamo, Gentile e Onuaku commettono il 3° fallo, Lundberg e Mannion attaccano, Cordinier è un mastino, tre perse consecutive del Banco costringono Bucchi al time out (44-42). Bomba di Kruslin ma 3° fallo anche per Jones. La Virtus tira neanche con il 30% da 2p ma ha il 50% da 3 punti. Cordinier si mette in proprio con una tripla e un gioco da 3 punti, la Virtus segna il sorpasso con il francese (47-48). Dinamo in grossa difficoltà con i falli Onuaku con 4, stessa cosa per Jones. Scariolo vuole massima pressione difensiva e mette Hackett e Pajola, rottura per Sassari in attacco, gli arbitri permettono tanti contatti, la schiacciata del migliore in campo per la Virtus ovvero Cordinier produce il 49-53 e il 2° time out di Bucchi.

Il Banco prova a trovare soluzione alternative all’emergenza, la Virtus ti mette le mani addosso, una schiacciata di Diop infiamma il PalaSerradimigni, Belinelli replica immediatamente. Al 30’ è 51-55 Bologna con 15 punti di uno strepitoso Cordinier.

Dinamo che tira meglio della Virtus che però ha 8/16 da 3 punti e soprattutto costringe gli avversari a 15 perse.

Ultimo quarto ruvidissimo, la Dinamo è stanca e fa fatica contro la fisicità di Bologna che ti stritola, Belinelli mette canestri fondamentali, Sassari non fa canestro, la tripla di Weems e l’appoggio di Jaiteh fanno molto male, Bucchi è costretto a spendere l’ultimo time out (18-35 il parziale del 2° tempo per Bologna) con la Virtus che ha le mani sul match (58-67). Belinelli è ancora decisivo, Gentile mette la tripla della speranza, ma alla Dinamo manca la lucidità finale. Sul 65-70 Robinson sbaglia un contropiede, Bendzius la tripla del -2, il tempo scorre, Onuaku mette due liberi a 15” dalla fine ma Bologna mantiene tre punti di vantaggio (67-70). Ojeleye è freddo dalla lunetta, finisce 69-74 per la Virtus che conquista la 5^ vittoria in 5 partite.

Credito foto: www.dinamobasket.com
Fonte: Ufficio Comunicazione Dinamo Banco di Sardegna