Sassari. È stato inaugurato ieri nella Biblioteca Popolare dello Sport di Sassari il Laboratorio di animazione alla lettura, dedicato a bambini della Scuola Primaria frequentanti le classi Terza, Quarta e Quinta e ai ragazzi della Scuola Secondaria di Primo Grado.

Il progetto, pensato e realizzato dall’associazione Memoria Storica Torresina in collaborazione con l’Istituto Comprensivo San Donato, ha l’obiettivo di favorire nei bambini l’interesse per i libri e le storie in essi contenute, stimolare la loro fantasia e accrescere le loro conoscenze. Dopo la fase sperimentale dello scorso anno scolastico, che ha coinvolto due classi, stavolta saranno in tutto cinque le classi partecipanti.

Il percorso si articola in un ciclo di incontri che si svolgeranno periodicamente all’interno della Biblioteca, durante l’orario delle normali lezioni, sino alla fine dell’anno scolastico. A guidare gli studenti in questa esperienza nuova e stimolante sarà la dottoressa Claudia Tamara Chelo, un’educatrice impegnata da anni in attività di animazione alla lettura in collaborazione con associazioni e cooperative, e responsabile di progetti di educazione alla lettura in vari comuni e biblioteche della provincia.

Il contesto. Per diventare lettori i ragazzi hanno bisogno di leggere, di avere a disposizione una variegata e nutrita selezione di libri adatti alle età e alle esperienze dei lettori. Un percorso di animazione alla lettura prepara i ragazzi a quello che è possibile trovare e a quello che si dovrebbe cercare nella lettura autonoma, il lettore potenziale ha l’opportunità di diventare gradualmente un’apprendista lettore e di raggiungere quelle competenze necessarie per una lettura individuale e critica.

Le finalità. Il laboratorio intende rappresentare lo spazio in cui si possa usare la lettura in maniera personale, creativa, alternativa rispetto alla dimensione esercitativa della lettura svolta in classe. Lo scopo di avvicinare alla lettura, in un processo di acquisizione graduale e continuativa di competenze, è raggiungibile attraverso la curiosità di tutte le parti in causa, proponendo libri che né gli alunni né gli insegnanti conoscono affinché la scoperta sia collettiva e avvenga all’unisono, pagina dopo pagina, durante la lettura in classe.

Perché lo sport. “La scelta di un percorso incentrato su una bibliografia sportiva – dice Graziano Mura, presidente dell’associazione Memoria Storica Torresina – nasce dalla necessità di offrire ai giovani lettori esempi virtuosi di riscatto, di impegno e solo successivamente di successo. I giovani hanno bisogno di eroi che siano quanto più possibili vicini alla loro dimensione reale, campioni nelle loro fragilità e nelle loro complessità, capaci di ottenere grandi risultati al prezzo di sudore, fatica, impegno e rinunce. I ragazzi e le ragazze saranno invitati a usufruire degli spazi della biblioteca anche nel pomeriggio per eventuali ricerche e letture che possano ampliare gli argomenti e i personaggi trattati nel libro assegnato alla classe per il progetto.”.

Perché San Donato. Andrea Sini direttore della Biblioteca Popolare dello Sport: “Rinnoviamo con grande piacere il rapporto di collaborazione instauratosi l’anno scorso tra la nostra biblioteca e un istituto che rappresenta una vera oasi all’interno di uno dei quartieri più complicati di Sassari. San Donato è la scuola dei bambini del centro storico, dove noi stessi siamo collocati, ma è anche la scuola più multietnica e dinamica della città. Pertanto ringraziamo la dirigente Patrizia Mercuri per avere accolto ancora una volta la nostra proposta. L’obiettivo per il futuro è allargare il progetto a tutte le classi dell’istituto”.

Il percorso. L’educatrice Claudia Tamara Chelo: “Lo scopo di avvicinare alla lettura, in un processo di acquisizione graduale e continuativa di competenze, è raggiungibile attraverso la curiosità di tutte le parti in causa. Per i ragazzi di 11-14 anni un percorso di lettura permette di sviluppare il gusto della lettura come esigenza di vita quotidiana e come fonte di arricchimento culturale e crescita personale, sviluppando la consapevolezza del concetto di lettura come mezzo di informazione-formazione, di interpretazione-comunicazione nei vari ambiti della realtà socio-culturale. Permette inoltre di stimolare l’immaginazione e le potenzialità creative al fine di esprimere liberamente le proprie doti inventive”.

Le storie. I libri, scelti dall’educatrice e messi a disposizione dalla Biblioteca, raccontano storie accattivanti, piacevoli, legate all’attualità e alle esperienze vissute dagli studenti. Tra i testi scelti ci sono: Magica, questa mister!; Un calcio al razzismo; La ragazza che imparò a volare; Uniti alla meta; Più veloce del vento;  Eterni Secondi. Perdere è un’avventura meravigliosa; Abbiamo toccato le stelle.

Patrizia Mercuri (dirigente Istituto Comprensivo San Donato): “Nel nostro istutito si fanno diversi progetti legati alla lettura ma questo è davvero particolare, perché strettamente legato all’inclusione. Intanto questo percorso formativo è importante per mettere in risalto il fatto che lo sport non è solo prerogativa degli uomini: lo sport è anche delle donne e nella nostra scuola ci sono tante bambine che hanno necessità di credere in se stesse. L’altro aspetto fondamentale è il fatto che i tanti giovani di origine straniera che studiano da noi hanno l’occasione per identificarsi in figure più vicine alla loro nazionalità o alla loro etnia. Questo facilita il percorso”.

L’Associazione Memoria Storica Torresina (AMST) è un’organizzazione no profit fondata a Sassari nel 2009 da un gruppo di tifosi della Torres e appassionati di sport, con l’obiettivo di recuperare, valorizzare e diffondere il patrimonio sociale, culturale e sportivo rappresentato dalla principale realtà sportiva cittadina. Dal 2009 a oggi AMST ha organizzato decine di eventi, tra mostre a tema, proiezioni, incontri culturali e ha promosso la realizzazione di un concorso letterario, di un docufilm e di varie pubblicazioni a tema Torres. Nel corso degli anni l’attività dell’AMST si è rivolta sempre più all’ambito sociale, abbinando la promozione di un tifo sano e corretto per la squadra rossoblù a una lunga serie di iniziative rivolte ai meno fortunati: persone indigenti, anziani, emarginati, stranieri con difficoltà di inserimento nel contesto cittadino.

La Biblioteca Popolare dello Sport, creata e gestita direttamente dall’Amst, nasce nel 2018 e dal 2021 si trova in via Turritana 76B, di fronte alla cattedrale di San Nicola. La Biblioteca, unica in Italia, è aperta a tutti e i servizi sono completamente gratuiti anche per chi non è socio Amst. A disposizione, per prestito e consultazione, ci sono oltre 1000 tra volumi e riviste che riguardano tutte le discipline sportive. Gli eventi ospitati dal 2021 sono stati decine, tra presentazioni di libri, seminari, book club e iniziative culturali con la partecipazione di ospiti nazionali e internazionali. La Biblioteca Popolare dello Sport è convenzionata con la Biblioteca Comunale di Sassari. Il progetto è finanziato da Fondazione di Sardegna e Regione autonoma della Sardegna e sostenuto da Verde Vita, Abinsula, Fondazione Notarile Porqueddu Trust.

Gli orari della Biblioteca

Lunedì: 17:00 – 20:00

Martedì: 16:00 – 18:00
Mercoledì: 9:30 – 12:30
17:00 – 20:00
Venerdì: 9:30 – 12:30
Sabato: 10:00 – 13:00

Contatti e social

Mail: amst1903@gmail.com

Facebook: Memoria Storica Torresina

Biblioteca Popolare dello Sport Sassari

Twitter: @bibliopopsport

Instagram: bibliosportsassari

Webhttp://www.amst1903.it

https://bibliopopss.it

Memoria Storica Torresina biblioteca interno