VILLANOVA MONTELEONE. L’Istituto Camillo Bellieni di Sassari presenta il progetto “Su sardu, sa limba nostra”, un insieme di iniziative culturali e di promozione della lingua sarda che, nei prossimi mesi, coinvolgeranno il comune di Villanova Monteleone, come capofila, assieme a Monteleone Rocca Doria e Olmedo. Grande importanza nel progetto avranno le attività di Sportello linguistico, per una durata complessiva di 520 ore, sotto la guida dall’operatrice Maria Leonarda Correddu.  Inoltre verranno svolti due corsi di formazione linguistica, uno di livello base e uno di livello intermedio, ciascuno di trenta ore.

L’attività culturale di promozione linguistica sarà estesa a tre laboratori in cui il sardo avrà la funzione di lingua veicolare, che si occuperanno di antiche tradizioni per renderle patrimonio comune, salvaguardandone il perpetrarsi alle generazioni future.

Il primo, che riguarda la preziosa arte del ricamare l’abito tradizionale, si svolgerà a Villanova Monteleone, paese che vanta uno dei più antichi gruppi folk della Sardegna e che ha fatto conoscere ovunque la bellezza del suo abito, ricco di decorazioni e fini ricami.

A tramandare quest’arte preziosa sarà Pina Riu, abile ricamatrice locale. Il secondo, che si svolgerà a Olmedo, è un laboratorio sulla lavorazione del pane artistico, finemente ricamato e ornato con particolari elementi, ed è diventata un’arte vera e propria tipica del paese, basti pensare al famoso Presepe di Pane. Alle mani esperte di Maria Talia Tidore e Mariella Pinna il compito di far sì che questa lavorazione non venga perduta.

Il terzo è un laboratorio che riguarda la lavorazione del pane tradizionale e delle feste, che si svolgerà a Monteleone Rocca Doria, anche in questo piccolo comune troviamo una tradizione antica della lavorazione del pane, documentata nel Museo della Panificazione Tradizionale Sarda. Il compito di salvaguardare quest’ arte antica è affidato alle mani di Franca Verdi e Domenica Sechi. Inoltre sono in programma attività di animazione in collaborazione con biblioteche, ludoteche, musei, siti archeologici, associazioni culturali e con tutte le realtà socio-economiche presenti nel territorio. Con gli istituti scolastici proseguiranno le iniziative già intraprese lo scorso anno.

«Sono da pochi mesi al comune di Villanova Monteleone – ha affermato il commissario straordinario Vanni Fadda –, ma, da sardo e da ex sindaco di altro comune, valutando il progetto proposto dall’Istituto Camillo Bellieni di Sassari, sono orgoglioso che la lingua sarda, la nostra meravigliosa lingua, sia veicolo linguistico in tutti gli ambiti della nostra vita, sia tutelata e valorizzata favorendo così lo scambio intergenerazionale. Con un così bel progetto si permette la riscoperta e la valorizzazione del patrimonio linguistico e culturale nostro che, diversamente rischia di andare perduto, insieme alla nostra identità”.